A Persano il 31 dicembre 1958…

SCAN_20180101_1303247951

Il nostro presidente, Antonino Gallotta, ci ha inviato questo suo ricordo

31 Dicembre 1958

Il vento di tramontana che portava nelle nostre case di Persano il dolce profumo del fieno in balle, stivato nei capannoni degli Ogliastri, suggeriva ai miei sensi di prepararmi per la passeggiata solitaria a cavallo, che facevo tutti gli anni il giorno 31 di Dicembre.

Profittavo dell’assenza del personale , quel giorno in servizio sino alle ore 12,00, che usufruiva del permesso concesso dalla Direzione Militare. Avevo programmato di montare la saura Bisba, nata nel maggio del 1953, cavalla selezionata da sella, discendente dalla qualitativa fattrice Sisba, da Genzano, e dal puro sangue inglese Lautarus, che proveniva dalle corse in piano.

Avvicinandomi alla postazione del capannone Umberto l’ho trovata tranquilla tra le transenne. L’ho vestita velocemente con la sella buttero e la groppiera, martingala e doppia redine, avente come obbiettivo di fare una passeggiata nel bosco, costeggiando il fiume Sele dalla parte degli Spineti.

I primi cento metri a passo cadenzato , le orecchie tese, in atteggiamento guardingo. Lungo lo stradone che porta a Mena Nova una leggera pioggia sembra infastidire la cavalla. E’ qui che sgroppa con le orecchie tese e si lancia in un galoppo inarrestabile. Senza disturbarla l’ho lasciata sfogare pensando che forse era da alcuni giorni in box, inoperosa, rammaricandomi di non averla “ girata “, prima di montarla. Tra le redini tese e il pugno della mano chiuso sulla criniera abbiamo percorso tutto il tragitto sino al ponticello delle Capanne. Non abbiamo incontrato nessuno, ma ci siamo immersi nella natura vera, tra gli alberi alti e verdi che sembravano assistere imperturbabili alla corsa fuori tempo.

Il rientro è stato dolce e tranquillo e la Bisba alla fine mi è sembrata anche felice di aver chiuso l’anno con una galoppata distensiva.

Negli anni dopo tante volte mi sono sorpreso ad abbassare il finestrino della mia macchina per sentire l’azione del vento che sfiora i capelli , ma a cavallo al galoppo è tutta un’altra cosa…………..

                                                                                                                                           Antonino Gallotta

Autore: Fausto Bolinesi

Share This Post On